fbpx
Non solo Brand Positioning: dobbiamo puntare al Re-Brand!
19853
post-template-default,single,single-post,postid-19853,single-format-standard,op-plugin,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.4,vc_responsive
 
re-brand

Re-Brand

Non solo Brand Positioning: dobbiamo puntare al Re-Brand!

Dopo aver parlato molto di brand positioning, è opportuno parlare anche di re-brand. Per capire di cosa si tratta esattamente, partiamo dalle nozioni fondamentali, definendo con parole povere il concetto di brand.

Letteralmente, con questo termine, andiamo a identificare una marca, cioè un nome, un logo o un simbolo e la combinazione degli stessi, con cui si etichetta un prodotto o un servizio.

Però, tieni presente che questa definizione di brand è alquanto riduttiva, poiché esso è qualcosa di molto più profondo. In questa parola sono concentrati inoltre degli elementi sostanzialmente rilevanti, quali:

• la storia dell’azienda,
• la sua notorietà maturata nel tempo,
• l’aspettativa del consumatore futuro.

Si tratta perciò di un mix che comprende i valori che si vogliono far emergere e ciò che effettivamente arriva al consumatore.

Il brand non è il logo, ma bensì l’immagine totale di un’azienda, che rappresenta la sua filosofia, la sua identità e tutto ciò che offre.

Attorno al brand si apre pertanto lo spiraglio di vari macro e micro settori del marketing, tra i quali emerge appunto il brand positioning, cioè l’insieme di strategie che consentono di acquisire un’ottima posizione sul mercato (e nella mente dei consumatori), superando la concorrenza.

Chi sei e cosa proponi: anche il re-brand parte da qui

Jeff Bezos, Ceo di Amazon, definì il Branding come “ciò che le persone dicono di te quando non sei nella loro stessa stanza“. Questo la dice lunga, non credi?

Comunicazione efficace Il problema si è venuto a creare quando è subentrata l’era digitale, che ha fatto sì che ci fosse un mondo intero fuori a quella stanza – ancor più grande di quello “reale”- pronto a giudicarti. E si sa che i giudici non possono sempre essere positivi… Allora come ti devi comportare?

Beh, la cosa fondamentale è creare una comunicazione efficace per il tuo brand.

Quando si parla di brand position, è fondamentale fissare prima quali valori vuoi presentare e come ti vuoi posizionare rispetto alla concorrenza. E ricorda che, per avere una buona brand position, è fondamentale che ogni immagine e messaggio trasmesso dall’azienda sia in linea con i valori del brand e vada a catturare l’attenzione dell’eventuale cliente.

L’era digitale in cui viviamo rende tutto più immediato e ad ampia diffusione, ma non dimentichiamo che, come dicevamo prima, questa è un’arma a doppio taglio.
Era digitale

C’è un mondo intero e virtuale in cui è facile farsi notare, sia nel bene che nel male e le recensioni negative volano veloci, così come quelle positive.

Dovresti, quindi, instaurare una comunicazione efficace e saper vendere il prodotto senza spam invasivi, ma offrendo elevata qualità e differenze sostanziali rispetto ai tuoi competitors, nonché pianificando la giusta strategia… per non buttarti nel mare del web senza le adeguate protezioni!

Il re-brand… si ricomincia!

A volte, per un’azienda è necessario “rivisitare” la propria immagine che ormai rende poco e lavorare su loghi e identità che possano nuovamente attirare il cliente: il re-branding dà la possibilità di rilanciare l’immagine dell’intera azienda.

Un esempio di re-brand è l’operato di McDonald’s, in seguito al calo delle vendite avvenuto nel 2014. Dai piani alti si iniziò subito ad agire ricolorando lo sfondo della famosa M, passando dal rosso al verde scuro che dà un’immagine di maggiore eleganza, e continuando con una rivisitazione del packaging, un restyling degli ambienti e tutta una serie di cambiamenti per rendere più attuale e accogliente il fast food più famoso al mondo. In questo modo, hanno dato un tocco di novità al marchio, rendendo i suoi prodotti ancor più distinguibili e differenti da quelli proposti dalla concorrenza.

Questa è stata una strategia di marketing azzeccata che ha risollevato completamente le vendite. Si è trattato di un re-brand, di un totale restyling dell’identità aziendale e di una nuova strategia di brand positioning. Ogni azienda può fare tutto questo, ogni qualvolta se ne presenti il bisogno.

L’importante è non aspettare troppo, ma agire subito e studiare attentamente i cambiamenti da fare e la strategia più vincente da attuare, in modo da constatare risultati importanti, anche nel lungo termine.

Hai bisogno di re-brand? Conta pure su di noi: ridisegneremo insieme la tua azienda, in modo che possa brillare più di prima!

Vuoi-maggiori-info-agenzia-di-comunicazione

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI

Commenti

Commenti