fbpx
Facebook e Google: ecco i post in 3D
19770
post-template-default,single,single-post,postid-19770,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,side_area_uncovered_from_content,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.4,vc_responsive,elementor-default
 
post in 3D

Facebook, Google e 3D

Facebook e Google: ecco i post in 3D

Il mondo di internet è in continuo fermento. Solo nell’ultimo decennio, una costellazione di nuove tecnologie ha trovato spazio nella rete, e ad ogni sviluppo tecnologico è conseguita, inevitabilmente, la nascita di nuove abitudini di fruizione da parte degli utenti. Proprio per questo, prevedere il futuro di internet – e capire come sarà anche solo fra un anno – è impresa difficile. È possibile, invece, analizzarne le tendenze e uno dei trend con cui è iniziato il 2018 è quello dei post in 3D.

Del resto, il 2018 continua con la spinta impressa dall’anno precedente da due dei più importanti colossi della rete – Facebook e Google – verso le due fondamentali tecnologie del momento, cui l’azienda di Cambridge e quella di Mountain View stanno convergendo importanti fondi: la realtà virtuale (VR, virtual reality) e la realtà aumentata (AR, augmented reality).

Le proposte di Facebook per i post in 3D

Da quest’anno, diventa possibile caricare sul proprio profilo Facebook anche le immagini 3D. Se sei in possesso di uno smartphone della famiglia Xperia XZ di Sony (che partecipa assieme al social allo sviluppo delle tecnologie VR e AR), sappi che puoi creare le tue foto tridimensionali direttamente dal tuo cellulare e postarle, successivamente, sulla tua bacheca, attraverso l’applicazione ad hoc 3D Creator.

App mobile per post in 3D

Postare un contenuto 3D da PC è comunque un’esperienza molto semplice e veloce per qualunque utente: basta trascinare direttamente il file 3D nell’apposito spazio della tua bacheca Facebook, riservato alla composizione del post (quello dove appare la scritta “A cosa stai pensando?”).

Attualmente, il social network di Mark Zuckerberg supporta solo file di estensione .glb. Il file deve inoltre avere un peso massimo di 3 Mb e una texture con risoluzione di 4.096 pixel massimi, nei formati jpeg e png.

Facebook

L’immagine in questione può essere scaricata dal web o realizzata tramite programmi come Paint 3D e si possono condividere anche immagini 3D grazie applicazioni di terze parti, che ne consentono la condivisione grazie alla nuova API messa a disposizione allo scopo da Facebook (Graph API).

Un aiuto da parte di Google

Ok, ma dove la trovo una immagine 3D da condividere?“. Probabilmente, ti sarai posto questa domanda. Ebbene, la risposta è “esattamente dove trovi tutto il resto: su Google!“. L’azienda di Mountain View ha da poco rilasciato un motore di ricerca dedicato esclusivamente alle immagini 3D. Si chiama Google Poly e si tratta di un enorme database contenente migliaia di foto tridimensionali messe a disposizione di tutti, che al momento si stanno rivelando molto utili soprattutto per sviluppatori e progettisti di grafica.

Google ha inoltre fatto sapere che presto questo progetto permetterà di condividere i post in 3D direttamente su Facebook: già adesso è possibile farlo, ma solo tramite un apposito link. Insomma, sapere dove ci porterà il futuro, come dicevamo all’inizio, è difficile, ma è facile immaginare che questi oggetti 3D, insieme alle numerose tecnologie immersive in continuo sviluppo (come AR e VR), guadagneranno sempre più spazio nella nostra quotidiana esperienza di navigazione e questo potrà sicuramente ottimizzare le strategie di social media marketing e di web marketing delle aziende, rendendo ogni informazione molto più in grado di attirare l’attenzione degli utenti.

Vuoi-maggiori-info-agenzia-di-comunicazione

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI

Commenti

Commenti